Broussonetia

Broussonetia (Morus) papyrifera

  • Famiglia: Moraceae
  • Fogliame: Deciduo
  • Categoria: Alberi e arbusti
  • Consigliata per: Giardino
  • Temperatura min.: -5 | 1 °C
  • Altezza: 4 — 8 metri
  • Terriccio: Argilla, Gesso
  • Larghezza: 4 — 8 metri
  • Esposizione: Soleggiata
Condividi:

Chiamato anche gelso da carta, è originario dell’Asia orientale, dalla Cina alla Birmania e fu introdotto in Europa alla metà del XVIII secolo prima come ornamentale e poi come tentativo di alimentazione per il baco da seta. Raggiunge i 10 m di altezza. La chioma è molto espansa orizzontalmente, costituita da foglie grandi, ovato-lanceolate, dentellate sui margini, color verde intenso sopra, grigiastre e tomentose sotto. È una pianta dioica: in maggio gli alberi maschili producono piccoli fiori giallognoli raggruppati in spighe all’ascella delle foglie; quelli femminili portano piccoli capolini sferici e compatti di fiorellini verdastri ridotti al solo pistillo, nel complesso insignificanti. Il frutto è un sorosio (come la mora dei gelsi), non commestibile per l’uomo.

Consigli di coltivazione

Si adatta a qualunque situazione: sole o ombra, terreni fertili o poveri, aridi o umidi, profondi o sassosi ecc. Anche il clima non costituisce un problema: solo la montagna gli impedisce di prosperare, visto che teme i geli prolungati. Va annaffiato al momento dell’impianto, mentre la concimazione non è indispensabile. La potatura si attua solo in caso di ingombro eccessivo.

Da non dimenticare

Per la crescita rapida è utilizzabile dove si desideri rapidamente ombra.

Scopri altre Alberi e arbusti