Azzeruolo

Crataegus azarolus

  • Famiglia: Rosaceae
  • Fogliame: Deciduo
  • Categoria: Alberi e arbusti
  • Consigliata per: Giardino
  • Temperatura min.: -20 | -15 °C
  • Altezza: 4 — 8 metri
  • Terriccio: Sabbia, Argilla, Gesso, Limo
  • Larghezza: 4 — 8 metri
  • Esposizione: Soleggiata , Parzialmente ombreggiata
Condividi:

Se si desidera una copiosa fioritura primaverile, seguita in autunno dalla produzione dei frutti che impreziosiscono a lungo la pianta, l’azzeruolo è la pianta giusta. Si tratta di una specie molto simile al biancospino, con portamento a cespuglio o piccolo albero che può raggiungere al massimo gli 8 m d’altezza. La corteccia è nerastra e screpolata. Emette le foglie a marzo e fiorisce in maggio, riempiendosi di infiorescenze bianche molto decorative. Da esse si sviluppano piccole “mele”, con polpa croccante e acidula dal gusto piacevole, con alcuni semini all’interno. La varietà ’Paul’s Scarlett’ ha bellissimi fiori rosa intenso, doppi: molto decorativa.

Consigli di coltivazione

Si tratta di una pianta rustica e poco esigente perché cresce bene in quasi tutti i terreni (fanno eccezione quelli molto argillosi o umidi), anche se preferisce suoli asciutti, piuttosto sabbiosi e con esposizione a sud. Si può propagare per seme (non il bianco, che ha semi non germinabili), ma è molto lento a crescere, per cui è meglio l’innesto su biancospino, nespolo di Germania, pero e cotogno. La potatura serve per evitare che la pianta cresca verso l’alto, senza fruttificare.

Da non dimenticare

A seconda del colore del frutto, si distinguono il “moscatello” o azzeruolo bianco (che in realtà è color giallo citrino), l’azzeruolo giallo (il migliore per sapore) e l’azzeruolo rosso.

Scopri altre Alberi e arbusti