Evonimo

Euonymus europaeus, E. japonicus

  • Famiglia: Celastraceae
  • Fogliame: Deciduo
  • Categoria: Piante da terrazzo
  • Consigliata per: Balcone e terrazzo
  • Temperatura min.: -15 | -10 °C
  • Altezza: 2,5 — 4 metri
  • Terriccio:  
  • Larghezza: 2,5 — 4 metri
  • Esposizione: Soleggiata , Parzialmente ombreggiata
Condividi:

Molto utilizzato per le siepi, l’evonimo può essere coltivato come pianta singola anche in grandi vasi e fioriere. Tra le diverse specie, le più conosciute sono Eunonymus europaeus e E. japonicus.Il primo, più noto come ‘berretta da prete’ o ‘fusaggine’, è estremamente decorativo in autunno quando foglie e frutti diventano rosso fuoco. La specie giapponese invece sfoggia foglie sempreverdi e lucide, spesso screziate in bianco o giallo dorato. Ai minuscoli fiori primaverili fanno seguito piccole bacche scure o rosate.

Consigli di coltivazione

Arbusti semplici e adattabili, gli evonimi crescono bene in tutti i substrati, anche poveri e alcalini. Amano il sole, ma tollerano la mezz’ombra. Resistenti a tutto, sopportano la siccità, l’inquinamento e il salmastro: sono quindi perfetti per l’ubicazione in città e nelle zone costiere. Non richiedono potature se non per eliminare i getti più disordinati, in autunno.

Da non dimenticare

Benché gli evonimi siano poco esigenti riguardo al substrato, i risultati migliori in vaso si ottengono con un terriccio costituito da una miscela di argilla, terriccio di foglie e sabbia.

Evonimo: come e quando irrigare

Il terriccio deve restare appena umido, mai fradicio; in estate va innaffiato regolarmente e con abbondanza ma tollera momenti di siccità, in inverno il terriccio deve restare quasi asciutto.

Per irrigare vasi, cassette e fioriere in balconi e terrazzi dotati di rubinetti o prese idriche si può utilizzare il tubo da irrigazione con una pistola multifunzione (getto concentrato, aerato, nebulizzato o  doccia, per scegliere l'idonea modalità di somministrazione dell'acqua). Oppure, meglio ancora, si può installare un sistema di irrigazione con erogatori a goccia da collocare nei vasi, automatizzato da un programmatore, per un'irrigazione su misura e senza sprechi.

Se in terrazzo non c'è a disposizione un rubinetto, la scelta ideale è  il sistema di microirrigazione Claber Aqua-Magic System, collegabile al serbatoio Claber Aqua-Magic Tank che consente di irrigare anche senza collegare l'impianto al rubinetto; il kit contiene la dotazione completa per irrigare 20 vasi e un programmatore di facilissimo impiego, alimentato con pannello fotovoltaico per ottenere energia dal sole: non serve collegarsi alla rete elettrica.

Con il tubo da irrigazione

Per un’irrigazione su misura e senza sprechi

Se non c’è a disposizione un rubinetto

Scopri altre Piante da terrazzo