Lampranto

Lampranthus

  • Famiglia: Aizoaceae
  • Fogliame: Sempreverde
  • Categoria: Piante da terrazzo
  • Consigliata per: Balcone e terrazzo
  • Temperatura min.: 5 | 10 °C
  • Altezza: 0,1 — 0,5 metri
  • Terriccio:  
  • Larghezza: 0,1 — 0,5 metri
  • Esposizione: Soleggiata
Condividi:

Spesso confuso con il mesembriantemo, il lampranto (Lampranthus) è una piccola pianta perenne e succulenta, alta non oltre 30 cm, facile da coltivare e velocissima nella crescita. Fiorisce in primavera, da aprile a maggio, mentre in estate offre solo la sua bella vegetazione di foglie aghiformi verde-grigio. I fiori hanno colori vivaci e brillanti, rosa, gialli o arancio, che si aprono al mattino con il sole e si chiudono al tramonto. I fiori durano una settimana, subito sostituiti da altri capolini. Rallegrano vasi, ciotole e cassette sui davanzali e sul balcone, ma nei climi miti sono preziosi anche per arricchire giardini rocciosi e aiuole.

Consigli di coltivazione

Vuole il pieno sole, necessario per far schiudere i fiori  e per che stimolare una fioritura ricchissima e colorata. Nei climi freddi può essere coltivato  solo in vaso, all’aperto in primavera-estate, da ritirare in veranda o in appartamento quando le temperature scendono sotto ai 10 °C; in alternativa, va trattato come un’annuale.
Prosperano in substrati asciutti e poco fertili, poiché in quelli ricchi di materia organica vengono prodotte molte foglie a scapito della fioritura; ideale un terriccio per piante grasse, dotato di ottimo drenaggio (stendere uno strato di argilla espansa sul fondo del vaso). Da aprile a settembre, si concima una volta al mese, con un prodotto per piante succulente.

Da non dimenticare

La grande famiglia conosciuta come mesembriantemi raggruppa diverse specie, simili tra loro, ma con fioriture in periodi diversi che assicurano continuità di spettacolo dalla primavera all’autunno: il lampranto sboccia in aprile, il Drosanthemum a fine primavera, il Carpobrotus a inizio estate,  il Mesembryanthemum in estate, il Delosperma fino all’autunno inoltrato. Si possono anche abbinare tra loro, anche nello stesso vaso se è grande.


Lampranto: come e quando irrigare

Il terriccio deve restare appena umido, mai fradicio; tollera momenti di siccità, soprattutto se è in piena terra; in vaso è meno resistente all'aridità. in inverno il terriccio deve restare quasi asciutto.

Per irrigare vasi, cassette e fioriere in balconi e terrazzi dotati di rubinetti o prese idriche si può utilizzare il tubo da irrigazione con una pistola multifunzione (getto concentrato, aerato, nebulizzato o  doccia, per scegliere l'idonea modalità di somministrazione dell'acqua). Oppure, meglio ancora, si può installare un sistema di irrigazione con erogatori a goccia da collocare nei vasi, automatizzato da un programmatore, per un'irrigazione su misura e senza sprechi.

Se in terrazzo non c'è a disposizione un rubinetto, la scelta ideale è  il sistema di microirrigazione Claber Aqua-Magic System, collegabile al serbatoio Claber Aqua-Magic Tank che consente di irrigare anche senza collegare l'impianto al rubinetto; il kit contiene la dotazione completa per irrigare 20 vasi e un programmatore di facilissimo impiego, alimentato con pannello fotovoltaico per ottenere energia dal sole: non serve collegarsi alla rete elettrica.

Con il tubo da irrigazione

Per un’irrigazione su misura e senza sprechi

Se non c’è a disposizione un rubinetto

Scopri altre Piante da terrazzo