Ortensia

Hydrangea macrophylla e altre specie

  • Famiglia: Hydrangeaceae
  • Fogliame: Deciduo
  • Categoria: Piante da terrazzo
  • Consigliata per: Balcone e terrazzo
  • Temperatura min.: -15 | -10 °C
  • Altezza: 2,5 — 4 metri
  • Terriccio:  
  • Larghezza: 1,5 — 2,5 metri
  • Esposizione: Parzialmente ombreggiata , Ombreggiata
Condividi:

Splendido arbusto ideale per vasi di media dimensione, l’ortensia (Hydrangea) offre la sua magnifica e durevole fioritura in estate ed è disponibile in moltissime varietà diverse per colore (bianco, rosa, azzurro, violetto) e forma delle infiorescenze (a globo, a pannocchia, simili a un pizzo nelle varietà Lacecaps).

Consigli di coltivazione

Tutte le ortensie hanno bisogno di tre cose: un’esposizione molto luminosa ma parzialmente ombreggiata (soprattutto in piena estate); un terriccio per piante acidofile e irrigazioni con acqua non calcarea. Con queste tre condizioni possono vivere per molti anni, avendo cura di fornire un vaso anche non largo ma profondo e concimando con sostanza organica (stallatico) in autunno e primavera, e con un prodotto liquido per acidofile nel periodo estivo.

Da non dimenticare

Le ortensie comprate in pieno fiore a inizio primavera, periodo in cui normalmente le piante non sono in fiore (la forzatura avviene in serra con prodotti che stimolano la fioritura e con la creazione di condizioni climatiche artificiali) terminano la loro bellezza nel giro di qualche giorno o settimana e poi non rifioriscono più sino all’anno successivo, quando ritrovano il ritmo naturale fiorendo da maggio-giugno in poi.

Ortensia: come e quando irrigare

Il terriccio deve restare solo appena umido, mai fradicio; non tollera la siccità prolungata e va innaffiata generosamente in estate, anche sul fogliame. L'acqua deve essere povera di calcare: l'acqua molto calcarea, e il terreno ricco di calcare, favoriscono la clorosi (foglie sbiadite e deperimento causato da difficoltà di assorbimento del Ferro dal terreno).In inverno il terriccio deve restare quasi asciutto.

Per irrigare vasi, cassette e fioriere in balconi e terrazzi dotati di rubinetti o prese idriche si può utilizzare il tubo da irrigazione con una pistola multifunzione (getto concentrato, aerato, nebulizzato o  doccia, per scegliere l'idonea modalità di somministrazione dell'acqua). Oppure, meglio ancora, si può installare un sistema di irrigazione con erogatori a goccia da collocare nei vasi, automatizzato da un programmatore, per un'irrigazione su misura e senza sprechi.

Se in terrazzo non c'è a disposizione un rubinetto, la scelta ideale è  il sistema di microirrigazione Claber Aqua-Magic System, collegabile al serbatoio Claber Aqua-Magic Tank che consente di irrigare anche senza collegare l'impianto al rubinetto; il kit contiene la dotazione completa per irrigare 20 vasi e un programmatore di facilissimo impiego, alimentato con pannello fotovoltaico per ottenere energia dal sole: non serve collegarsi alla rete elettrica.

Con il tubo da irrigazione

Per un’irrigazione su misura e senza sprechi

Se non c’è a disposizione un rubinetto

Scopri altre Piante da terrazzo