Alchechengi

Physalis alkekengi franchettii ’Gigantea’

  • Famiglia: Solanaceae
  • Fogliame: Deciduo
  • Categoria: Piante da terrazzo
  • Consigliata per: Balcone e terrazzo
  • Temperatura min.: < -20°C
  • Altezza: 0,5 — 1 metri
  • Terriccio:  
  • Larghezza: 0,5 — 1 metri
  • Esposizione: Soleggiata , Parzialmente ombreggiata
Condividi:

L’alchechengi è una pianta curiosa, originaria di Cina e Giappone. Appartiene alla famiglia delle Solanacee, la stessa di pomodori e melanzane. La specie Physalis alkekengi è coltivata anche per i frutti, utilizzati in pasticceria.

Consigli di coltivazione

A scopo ornamentale si coltiva Physalis alkekengi var franchetii ‘Gigantea’, un’erbacea perenne molto vigorosa. I fiori bianchi non sono evidenti perché piccoli e nascosti tra le foglie. Le bacche arancioni sono commestibili e maturano in autunno, avvolte in un involucro cartaceo rosso-arancio altamente decorativo, che rimane a lungo formando quindi una piacevolissima decorazione autunnale. L’alchechengi cresce bene in grandi vasi profondi, con terra fertile, ben irrigati d’estate, da tenere al sole di mattina tra giugno e luglio, poi in pieno sole da metà agosto in poi, quando si formano le tipiche ‘lanterne’ arancioni.

Da non dimenticare

I rami si possono tagliare ed essiccare; gli involucri a forma di palloncino mantengono a lungo la loro consistenza e il loro colore brillante se non vengono esposti al sole, dopo che sono stati recisi e fatti essiccare in luogo scuro e ventilato.

Alchechengi: come e quando irrigare

Ama il terreno sempre leggermente umido, mai fradicio; non tollera la siccità.

Per irrigare vasi, cassette e fioriere in balconi e terrazzi dotati di rubinetti o prese idriche si può utilizzare il tubo da irrigazione con una pistola multifunzione (getto concentrato, aerato, nebulizzato o  doccia per scegliere l'idonea modalità di somministrazione dell'acqua). Oppure, meglio ancora, si può installare un sistema di irrigazione con erogatori a goccia da collocare nei vasi, automatizzato da un programmatore, per un'irrigazione su misura e senza sprechi.

Se in terrazzo non c'è a disposizione un rubinetto, la scelta ideale è  il sistema di microirrigazione Claber Aqua-Magic System, collegabile al serbatoio Claber Aqua-Magic Tank che consente di irrigare anche senza collegare l'impianto al rubinetto; il kit contiene la dotazione completa per irrigare 20 vasi e un programmatore di facilissimo impiego, alimentato con pannello fotovoltaico per ottenere energia dal sole: non serve collegarsi alla rete elettrica.

Con il tubo da irrigazione

Per un’irrigazione su misura e senza sprechi

Se non c’è a disposizione un rubinetto

Scopri altre Piante da terrazzo